Cerca
Close this search box.

IL LATTE: QUAL È IL MIGLIORE PER LA NOSTRA SALUTE?

Qual è il latte migliore per la nostra salute? Dal latte di origine animale al latte di origine vegetale, scopriamo quale sia il più sano.

Il latte è un alimento prezioso nella vita di tutti noi. Ma qual è il migliore per la nostra salute?

A partire da quello materno, per poi accompagnarci nelle colazioni ed in moltissime ricette, il latte è da sempre uno dei principali alimenti. Consumato in tutto il mondo ed utilizzato per produrre una vasta gamma di prodotti lattiero-caseari, come formaggi, burro e yogurt, esiste di moltissimi tipi, da quello di origine animale a quello vegetale.


Ma come orientarci allora, al di là dei gusti personali, nel panorama dei vari tipi di latte in commercio?

Il latte di mucca

Partiamo dal tipo di latte più comune e ampiamente consumato: il latte di mucca. Contiene una quantità moderata di proteine, grassi e calcio, ed il suo contenuto di zuccheri (principalmente lattosio) e colesterolo, è simile a quello degli altri tipi di latte. Il colore del latte di mucca può variare a seconda della dieta dell’animale, ma spesso ha una tonalità giallognola a causa dei pigmenti, i beta caroteni, presenti nell’erba che la mucca mangia.

Il latte di mucca è una fonte nutriente che offre diversi benefici per la salute perché:

  • Il latte di mucca è noto per essere una delle migliori fonti di calcio. Il calcio è essenziale per la salute delle ossa e dei denti. Aiuta anche nella contrazione muscolare, nella coagulazione del sangue e nella trasmissione degli impulsi nervosi.
  • Il latte di mucca contiene proteine di alta qualità, che sono importanti per la crescita, la riparazione dei tessuti e la funzione immunitaria.
  • Il latte di mucca è ricco di vitamine come la vitamina D (che aiuta l’assorbimento del calcio), la vitamina B12 (importante per la formazione dei globuli rossi) e la vitamina A (buona per la vista e la pelle).
  • Il latte è composto principalmente da acqua, quindi aiuta a mantenere il corpo idratato.
  • Il latte contiene carboidrati, grassi e proteine, che forniscono energia al corpo.
  • Alcuni studi suggeriscono che il consumo moderato di latte può essere associato a un minor rischio di malattie cardiache.
  • Il latte può aiutare a controllare il peso, poiché le proteine e il calcio possono contribuire a una maggiore sazietà.

Quali sono le cose a cui prestare attenzione per la nostra salute quando si consuma latte di mucca?

L’intolleranza al lattosio e le allergie alle proteine del latte

  • Alcune persone sono intolleranti al lattosio, lo zucchero presente nel latte. Questo può causare sintomi come gonfiore, crampi addominali, diarrea e gas. In questi casi un’alternativa potrebbe essere, al di là del latte di origine vegetale, il latte senza lattosio. Il latte delattosato, noto anche come High Digestibile (HD) o ad alta digeribilità, è una tipologia di latte vaccino che viene sottoposta a trattamenti per ridurre il contenuto di lattosio. Questo lo rende particolarmente adatto per le persone che soffrono di intolleranza al lattosio a vari livelli. Il latte delattosato viene trattato con enzimi capaci di scindere il lattosio in zuccheri che non causano intolleranza. Di questi tipi di latte ne esistono vari tipi: quello a ridotto contenuto di lattosio o quello privo di lattosio. Il primo contiene meno di 0,5 g di lattosio per 100 ml di prodotto, ed è ideale per chi ha un’intolleranza di modesta entità. Quello senza lattosio, invece, contiene meno di 0,1 g di lattosio per 100 ml di prodotto. In entrambi i casi, prestiamo attenzione all’etichetta, che deve sempre indicare il contenuto di lattosio presente. Il vantaggio di ricorrere a questo tipo di latte in caso di intolleranza è che il latte delattosato conserva tutte le caratteristiche nutrizionali del latte vaccino, compresi i minerali e le proprietà organolettiche. L’unica differenza è il sapore, che è generalmente più dolce rispetto al latte classico.
  • Per alcune persone invece esiste un altro problema, quello delle allergie alle proteine del latte, come la caseina o la whey. Questa allergia può causare reazioni cutanee, problemi respiratori o disturbi gastrointestinali.

Altri fattori a cui prestare attenzione nel consumo di latte vaccino

In generale, il latte di mucca è una fonte nutriente, ma è importante consumarlo con consapevolezza e moderazione, soprattutto se si hanno particolari esigenze o condizioni di salute.

  • Altri problemi nel consumo di latte, ad esempio, potrebbero risiedere nella contaminazione batterica, che può verificarsi se il latte viene lasciato a temperatura ambiente per troppo tempo o se non viene conservato correttamente in frigorifero. Occorre quindi bere latte acquistato da fonti affidabili e conservarlo correttamente.
  • Si deve poi prestare attenzione alla qualità del latte, che può variare a seconda della dieta delle mucche e delle pratiche di allevamento: è ideale scegliere latte proveniente da allevamenti che seguono alti standard sia di igiene sia a livello di benessere animale.
  • Occorre prestare attenzione anche alla presenza di grassi saturi, contenuti specialmente nel latte intero: se se ne vuole limitare il consumo, si può preferire il latte scremato o quello a basso contenuto di grassi. Il latte, inoltre, può essere calorico, fattore da considerare se si sta seguendo una dieta specifica.

L’importante è leggere sempre attentamente le etichette del latte e dei prodotti lattiero-caseari. Alcuni prodotti possono contenere additivi o zuccheri aggiunti.

Il latte di capra e di pecora

Oltre al latte di mucca, esistono altri tipi di latte di origine animale come il latte di capra, e quello di pecora. In generale, tutti e tre i tipi di latte forniscono una buona quantità di sostanze nutritive, proteine, grassi, vitamine e minerali. La scelta tra latte di mucca, capra o pecora dipende principalmente dal gusto personale e dalle esigenze nutrizionali. Se si ha una certa intolleranza alle proteine del latte vaccino, come abbiamo visto, si può considerare il latte di capra o di pecora, ma è sempre meglio consultare sempre un nutrizionista o un medico per scegliere quale preferire sulla base delle nostre intolleranze, della nostra dieta e del nostro stile di vita.

  • Il latte di capra, più bianco rispetto a quello di mucca, contiene una quantità leggermente superiore di proteine e grassi rispetto al latte di mucca. È ricco di acidi grassi a catena corta, come capronico, caprilico e caprico, che influenzano il gusto del latte e dei formaggi prodotti con esso.
  • Il latte di pecora è invece il più ricco tra i tre tipi di latte. Contiene infatti quasi il doppio del grasso e delle proteine del latte vaccino ed il 50% in più di calcio; il contenuto di zuccheri ed colesterolo, invece, sono simili a quello degli altri tipi di latte. Il latte di pecora è ideale per la produzione di formaggi, dove l’estratto secco (cioè tutto ciò che non è acqua) è molto importante.

Il latte di origine vegetale

La scelta tra latte di origine animale e latte vegetale dipende da vari fattori, tra cui le tue preferenze personali, le esigenze nutrizionali e le eventuali intolleranze. Le bevande vegetali, come il latte di riso, latte di soia e latte di mandorla, sono diventate sempre più popolari negli ultimi anni. Questo è dovuto al fatto che, come abbiamo visto, alcune persone sono intolleranti al lattosio e le bevande vegetali offrono un’alternativa che ne è priva. Ma esistono anche motivazioni religiose o etiche: chi segue diete vegane o vegetariane preferisce bevande vegetali. Altri, invece, preferiscono il sapore delle bevande vegetali rispetto al latte animale.

A prescindere da quale sia il motivo della scelta, possiamo dire che i principali tipi di latte di origine vegetale sono il latte di riso, il latte di soia ed il latte di mandorla. Scopriamoli insieme.

Latte di riso

Il latte di riso è una bevanda vegetale ottenuta dai chicchi di riso. E’ una valida alternativa vegetale, soprattutto perché è una bevanda leggera, priva di lattosio e con pochi grassi. Ha un apporto calorico più alto rispetto ad altre alternative al latte, principalmente a causa dei carboidrati, di cui è ricco. Il latte di riso è adatto per chi ha intolleranza al lattosio o allergie alle proteine del latte. Oltre a questo, favorisce la mobilità del colon e, di conseguenza, la regolarità intestinale. Grazie ai suoi zuccheri semplici, il latte di riso garantisce anche un’alta digeribilità; essendo ricco di antiossidanti, contribuisce alla salute in generale del nostro corpo. Essendo privo di colesterolo, inoltre, questo tipo di latte aiuta a mantenere sano il nostro cuore.

A cosa prestare attenzione quindi se lo assumiamo? Il latte di riso di per sé non ha controindicazioni, ma se lo si sceglie come unico tipo di latte nella propria dieta occorre ricordare che sarebbe ideale preferirlo nelle sue varianti arricchite con vitamine e minerali.

Latte di soia

Il latte di soia è una bevanda vegetale ricavata dai semi di soia. Il latte di soia si ottiene a partire dai semi di soia interi, che vengono poi messi a bagno in acqua e macinati fino ad ottenere un impasto liquido. Le sue origini risalgono alla Cina, ma oggi è una bevanda popolare in tutto il mondo. Fra i suoi benefici per la salute, occorre dire che il latte di soia è privo di colesterolo e ricco di grassi insaturi oltre ad essere una buona fonte di proteine.
Oltre a questo può definirsi “cardioprotettivo” in quanto i fitoestrogeni presenti nella soia possono contribuire alla salute del cuore. Anche in questo caso, inoltre, è indicato per le persone intolleranti al lattosio.

Al di là di questi benefici, occorre ricordare che il latte di soia, se non viene integrato appositamente, è carente in calcio e che alcuni studi suggeriscono che il consumo eccessivo di soia potrebbe influenzare la funzione tiroidea. In genere, comunque, il latte di soia non ha controindicazioni e può essere utilizzato sia come bevanda che come ingrediente per la preparazione di bevande calde, frullati, creme e salse.

Latte di mandorla

Il latte di mandorla è una bevanda molto amata. Si ottiene dall’infusione di mandorle dolci e molte persone, per questo, lo preparano direttamente a casa propria. E’ nutriente e versatile, ed è molto amato da chi fa scelte alimentari di tipo vegano. A livello di proprietà benefiche per la salute è bene evidenziare che il latte di mandorla è privo di colesterolo (e può quindi favorire la salute cardiovascolare) e ricco di grassi insaturi oltre ad essere una preziosa fonte di Vitamina E. La vitamina E ha proprietà antiossidanti e contribuisce alla salute della pelle. Inoltre il latte di mandorla è ricco di fibre, ed è quindi ideale per il nostro intestino, ed ha pochi zuccheri ed è quindi ideale per contenere l’indice glicemico. Anche in caso di diete, infatti, contenendo zuccheri naturali ed avendo poche calorie, è spesso indicato.

Qual è il latte migliore per la nostra salute?

In definitiva, come può dirsi per ogni tipo di alimento, ci sono pro e contro, anche individuali, nella scelta del cibo da portare sulle nostre tavole. Nel caso della scelta tra latte di origine animale e latte vegetale, definire quale sia il latte migliore per la nostra salute dipende da vari fattori, tra cui le tue preferenze personali, le esigenze nutrizionali e le eventuali intolleranze. Riassumendo le principali differenze possiamo dire che:

  • Il latte di origine animale viene prodotto dalla mungitura di animali come mucche, pecore e capre. È ricco di proteine ad alto “valore biologico”, grassi, calcio e vitamine. Tuttavia alcune persone possono essere intolleranti al lattosio presente nel latte di mucca o allergici alle proteine del latte. Resta il fatto che, essendo un’ottima fonte di calcio e proteine, resta un alimento prezioso per ossa e denti, soprattutto per i bambini in fase di crescita.
  • Le bevande vegetali come il latte di riso, di soia e di mandorla (ma anche avena e cocco) sono ottenute da piante, frutti e cereali e variano molto fra loro. Se tutte si adattano, infatti, a chi è intollerante al lattosio o segue una dieta vegana, possiamo scegliere il latte di soia come buona fonte di proteine priva di lattosio oppure il latte di mandorla, ricco di Vitamina E e grassi insaturi. Possiamo altrimenti scegliere il latte di riso, con pochissimi grassi, oppure il latte di avena che contiene fibre e carboidrati.

Quello che è comunque importante ricordare quando scegliamo il latte migliore per la nostra salute è che il latte vegetale, rispetto a quello di origine animale, può contenere meno proteine e grassi e pertanto va inserito all’interno di una dieta completa ed equilibrata.

Torna in alto

Hai un'urgenza o vuoi prenotare un appuntamento nel nostro studio dentistico?

Gli Studi Dentistici Buongiorno sono l’eccellenza nell’ambito odontoiatrico a Montecatini Terme, chiamaci per prenotare il tuo spazio dedicato e lascia che il tuo sorriso torni a splendere.