Cerca
Close this search box.

LE PRINCIPALI MALOCCLUSIONI NEI BAMBINI

L’ortodonzia interviene allo scopo di evitare malocclusioni delle arcate dentarie: scopri quali sono le principali.

L’ortodonzia, letteralmente “denti dritti”, è quella branca dell’Odontoiatria che interviene per correggere eventuali anomalie nel posizionamento dei denti e delle ossa mascellari allo scopo di evitare malocclusioni delle arcate dentarie.

Lo scopo dell’ortodonzia quindi non è solo migliorare l’estetica del volto correggendo i denti mal posizionati o disallineati ma soprattutto prevenire problematiche che si possono sviluppare in futuro:

  • agevolare la funzione respiratoria,
  • la masticazione,
  • la fonazione (la funzione del parlare),
  • nonché diminuire la probabilità di sviluppare la carie.

Eventuali anomalie se intercettate in tenera età sono più facili da correggere. Si parla infatti di “ortodonzia intercettiva“.

E’ invece più impegnativo (in termini di interventi necessari) trattare il problema nell’adolescenza o, peggio ancora, in età adulta.

                                                   LE PRINCIPALI MALOCCLUSIONI NEI BAMBINI

Vediamo nel dettaglio quali sono le principali malocclusioni trattate dall’ortodonzia:

2a CLASSE

Errata chiusura delle arcate dentali, dovuta alla mascella in posizione più avanzata rispetto alla mandibola.

Questo scorretto allineamento causa la sporgenza dei denti dell’arcata superiore, poiché gli elementi cercano di compensare lo squilibrio che si è creato.

Le cause di una 2a classe dentale possono essere genetiche ma anche delle semplici cattive abitudini (es. l’uso prolungato del ciuccio i primi anni di età, o la costante suzione del pollice nei bambini).

Lo scorretto posizionamento della lingua o una deglutizione atipica possono intensificare la sporgenza.

3a CLASSE

Consiste in uno sviluppo mandibolare inadeguato che colpisce il morso, e quindi la masticazione, nonché l’estetica della persona (che appare col “mento in avanti”).

È una delle malocclusioni più complesse che esistano e viene detta anche “prognatismo mandibolare” o “progenismo”.

Solo un ortodontista esperto in possesso di tutta la documentazione necessaria a seguito di un’approfondita visita ortodontica (anamnesi familiare, fotografie, modelli, radiografie, etc.) può fare diagnosi differenziale.

Nel caso fosse presente una terza classe scheletrica è importante intervenire precocemente con delle apparecchiature ortopedico-funzionali (es. la maschera di Delaire, che però è poco accettata dai bambini ed è sconsigliata nei casi di verticalità aumentata).

AFFOLLAMENTO DENTALE

Malposizione dentale dovuta alla mancanza di spazio che rende i denti non allineati.

È diffuso nei bambini a partire dai 6 anni, allorché i da latte cominciano a cadere per fare spazio ai denti permanenti.

DENTI INCLUSI

Quando il dente non riesce ad erompere la gengiva o lo fa in parte, restando “incluso” per l’appunto all’interno della gengiva.

Un’accurata visita odontoiatrica infatti, e ancor di più un’ortopanoramica (OPT), sono decisive per permettere al dentista di individuare gli eventuali denti inclusi, la loro posizione e la percentuale di inclusione.

MORSO APERTO

E’ una malocclusione caratterizzata dal mancato contatto tra i denti in occlusione, che lasciano un’apertura di solito occupata dalla lingua a riposo.

MORSO COPERTO
(detto anche Morso profondo)

Eccessiva chiusura della bocca con i denti superiori che coprono totalmente i denti inferiori.

MORSO INCROCIATO

Quando i denti dell’arcata superiore non scavalcano correttamente quelli dell’arcata inferiore.

Questa condizione porta a una funzione masticatoria asimmetrica e scorretta.


PEDODONZIA E ORTODONZIA BAMBINI


LEGGI PROSSIMO ARTICOLO

Torna in alto

Hai un'urgenza o vuoi prenotare un appuntamento nel nostro studio dentistico?

Gli Studi Dentistici Buongiorno sono l’eccellenza nell’ambito odontoiatrico a Montecatini Terme, chiamaci per prenotare il tuo spazio dedicato e lascia che il tuo sorriso torni a splendere.