Cerca
Close this search box.

EVOLUZIONE E CURA DI UNA CARIE NELLE VARIE FASI

Una carie non curata può portare alla perdita del dente. È fondamentale dunque la prevenzione, leggi di più in questo approfondimento.

1. CARIE INIZIALE > trattamento: OTTURAZIONE

Come già detto la carie ha un decorso molto lento perciò nella fase iniziale, quando ha intaccato solo lo smalto esterno ma non la polpa, non dà sintomi al paziente.

La può individuare e curare solo il dentista con strumenti appositi in occasione delle visite di controllo periodiche. E’ ovviamente lo stadio ideale in cui intervenire.

Trattamento

Prima di procedere il dente interessato viene generalmente isolato mediante una diga di gomma (foglio di lattice o di vinile) che ha lo scopo di proteggerlo dalla saliva durante l’otturazione.

Una volta rimosso adeguatamente tutto il tessuto cariato si sostituisce la sostanza dentale perduta con resine composite che vanno a ricostruire la porzione mancante.

Il paziente già dopo poche ore dall’intervento può riprendere la normale masticazione.

2. CARIE PROFONDA > trattamento: INTARSIO oppure CORONA PROTESICA 

Se la carie è mediamente profonda il soggetto avverte sensibilità al freddo e allo zucchero, tipo una scossa. Nei casi più gravi avrà forte dolore (dolore nevralgico).

Se nonostante l’otturazione il dente rimane sensibile e dà dolore (5% dei casi) dipende dal fatto che le tossine prodotte dai batteri della carie hanno già interessato la polpa del dente e quindi il nervo che, lentamente ma progressivamente, muore. Questo quadro clinico si chiama pulpite e può essere risolto soltanto mediante un trattamento canalare (devitalizzazione).

Trattamento

In base al quadro clinico del paziente il dentista valuterà se ricorrere a:

• realizzazione di un intarsio, qualora siano andate perdute una o due cuspidi e da una a tre pareti laterali del dente;

• ricostruzione del dente con perno in fibra di vetro e successiva applicazione di capsula o corona.

L’intarsio si esegue dopo aver rimosso la carie o la vecchia otturazione. La cavità del dente viene accuratamente pulita e disinfettata, poi si procede con una pre-ricostruzione del dente mediante una piccola otturazione per regolarizzare la cavità.

Successivamente si prende un’impronta digitale dell’interno bocca tramite scanner intraorale (una minitelecamera che rileva su computer le forme e i colori delle arcate dentali).

L’impronta di precisione viene poi inviata al laboratorio che realizza un intarsio su misura, di porcellana o materiale composito, nel rispetto del colore dei denti naturali del paziente.

Se la struttura esterna del dente risulta fortemente compromessa sarà necessario realizzare in laboratorio una protesi su misura (corona o capsula) che sostituirà completamente il rivestimento naturale ed esterno del dente (corona).

Riassumendo: l’intarsio sostituisce solo una porzione di dente mentre la corona è a copertura globale del dente stesso ed è indicato qualora ci sia stata una perdita molto importante di struttura dentaria.

Ricordiamoci quindi che una carie non curata può portare alla perdita del dente. È fondamentale dunque la prevenzione.

Tieni monitorato lo stato di salute dei tuoi denti grazie alle visite periodiche di controllo ed esegui a casa una corretta igiene orale almeno tre volte al giorno.


PROTESI E CONSERVATIVA


LEGGI PROSSIMO ARTICOLO

Torna in alto

Hai un'urgenza o vuoi prenotare un appuntamento nel nostro studio dentistico?

Gli Studi Dentistici Buongiorno sono l’eccellenza nell’ambito odontoiatrico a Montecatini Terme, chiamaci per prenotare il tuo spazio dedicato e lascia che il tuo sorriso torni a splendere.